Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Testimoni > Avgustin Ivanovic Volosin Condividi su Facebook Twitter

Avgustin Ivanovic Volosin Sacerdote

Testimoni

Kelečiny, 17 marzo 1874 - Mosca, 19 luglio 1945

Sacerdote greco cattolico, eminente pedagogo, filologo, giornalista, uomo di profonda cultura, impegnato socialmente e politicamente, primo ministro e poi Presidente dell’Ucraina Carpatica.



Sacerdote greco cattolico, eminente pedagogo, filologo, giornalista, uomo di profonda cultura, impegnato socialmente e politicamente, primo ministro e poi Presidente dell’Ucraina Carpatica. Nasce il 17 marzo 1874 nel villaggio Kelečiny, da una famiglia dove il padre è sacerdote greco cattolico. Frequenta il ginnasio nella città di U×gorod e nel 1892 entra nel seminario diocesano della stessa città, terminato il quale viene mandato dal vescovo greco cattolico Jukij Fircak a perfezionare gli studi nella città di Budapest alla facoltà di pedagogia. Nel 1896 Avgustin si sposa con Irina Petrik e il 22 marzo 1897 viene ordinato sacerdote. Dal 1900 è al seminario minore della diocesi di U×gorod dove insegna diverse materie e dal 1917 al 1938 è rettore dello stesso seminario. Padre Avgustin è autore fecondo di manuali scolastici: in 45 anni ne pubblica 40. Famosi in tutta la regione sono pure rimasti i suoi testi sulla linguistica. Ma la sua attività principale è il lavoro pedagogico. Il sacerdote Avgustin è l’educatore di centinaia di discepoli che diffondono una profonda cultura nelle parrocchie di tutta la diocesi. Occorre aggiungere ancora la pubblicazione di tre catechismi per le diverse età e “La Bibbia per bambini”.
Come sacerdote greco cattolico padre Avgustin sostiene con coraggio i diritti della Chiesa, difende la purezza della tradizione bizantina e l’uso della lingua veteroslava nella celebrazione della Divina Liturgia. Nel 1902 è uno dei fondatori dell’associazione “Unija” che possiede una tipografia propria e diffonde centinaia di libri per le scuole, di letteratura sia ecclesiastica che generale. L’associazione viene chiusa nel 1938. Dal 1903 padre Avgustin è redattore dell’unica rivista in lingua russa “Nauka” ed è uno dei fondatori del settimanale “Rusin” oltre ad essere collaboratore di molte altre riviste e giornali. Nel 1919 è fondatore dell’associazione “Prosvita” che si interessa a trasmettere l’istruzione del popolo ed eliminare l’analfabetismo.
Negli stessi anni padre Avgustin si dedica ad un’impegnativa attività politica.
Nel 1923 fonda il “Partito popolare cristiano”. Da questo partito viene eletto deputato del parlamento della Cecoslovacchia negli anni 1925–1929. Durante il periodo della proclamazione dell’autonomia dell’Ucraina carpatica, i sostenitori di padre Avgustin Vološin raggiungono un influsso così considerevole nella provincia transcarpatica da ottenere il 26 ottobre 1938 la sua nomina a primo ministro. Il partito di padre Vološin “L’Unione popolare Ucraina” (UNA) vince le elezioni alla dieta dell’Ucraina carpatica con 81,1% dei voti. Dopo che la Cecoslovacchia cessa di esistere come unico stato e la Germania occupa la Cechia, il 15 marzo 1939, la Slovacchia proclama la sua sovranità e il presidente Vološin dichiara l’Ucraina carpatica stato indipendente con capitale la città Chust, diventando così il suo primo ed unico Presidente. Nel raduno della dieta proclama la costituzione. Dopo di che l’esercito ungherese invade il territorio, così si interrompe la vita del nuovo stato ed in Carpazia si stabilisce il potere ungherese. Vološin, attraverso la Romania, emigra in Jugoslavia, da qui passa nel territorio occupato dai tedeschi e si stabilisce a Praga. A Praga padre Avgustin dirige la cattedra della libera Università ucraina e nel 1945 è nominato rettore.
All’arrivo dell’Armata Rossa, il 14 maggio 1945, padre Avgustin viene arrestato e rilasciato dopo l’interrogatorio e la perquisizione. Il secondo arresto avviene il 21 maggio 1945: da Praga viene trasportato a Mosca nella prigione Butyrka, dove rimane 52 giorni. Dopo molti interrogatori, torture fisiche e morali, padre Avgustin Vološin muore nella prigione Butyrka il 19 luglio 1945.


Fonte:
www.russiacristiana.org

______________________________
Aggiunto/modificato il 2022-02-26

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati