Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Venerabili > Venerabile Enrica Beltrame Quattrocchi Condividi su Facebook Twitter

Venerabile Enrica Beltrame Quattrocchi Laica

.

Roma, 6 aprile 1914 - 16 giugno 2012


La Serva di Dio Enrica Beltrame Quattrocchi nacque a Roma il 6 aprile 1914 dai Beati Luigi Beltrame Quattrocchi e Maria Corsini, ultima di quattro figli. Ben presto si trovò a rimanere da sola con i genitori e i nonni materni, dopo la partenza, tra il 1924 e il 1927, dei fratelli maggiori: Filippo, che divenne don Tarcisio; Stefania, che prese il nome di suor Cecilia quando divenne monaca benedettina, e Cesare, divenuto monaco trappista con il nome di don Paolino.
Intensamente impegnata nelle attività di volontariato e nell’associazionismo cattolico, fin da piccola entrò a far parte delle Figlie di Maria, delle Sorelle Cristiane e delle Dame di San Vincenzo, spingendosi fino alle zone degradate di Trastevere e Montagnola per prestare assistenza ai più bisognosi.
A partire dal 1936 accompagnò regolarmente i malati a Lourdes e a Loreto. Dal 1939 fu volontaria della Croce Rossa, arrivando a diplomarsi infermiera l’anno successivo, mettendosi al servizio negli ospedali militari durante la guerra e prestando soccorso ai perseguitati politici, ai soldati e ai rifugiati.
Insieme alla madre, fu anche attivamente impegnata nell’Associazione Cattolica Internazionale delle opere per la Protezione della giovane, divenendone segretaria generale fino al 1976.
Nel 1942, concluse gli studi universitari laureandosi in Lettere moderne presso l’università di Roma. Si specializzò in seguito in storia dell’arte, che insegnò a partire dal 1944.
Nel 1956 manifestò l’intenzione di entrare in una Congregazione religiosa, ma dopo un lungo discernimento, in dialogo con le sue guide spirituali, scelse come propria vocazione il servizio generoso ai suoi anziani familiari.
Dal 1976 fu Sovrintendente del Ministero per i Beni culturali e ambientali.
Il 15 novembre 2001, a Pacognano, si consacrò nel movimento Testimoni del Risorto, fondato da Don Sabino Palumbieri, S.D.B.
Intensificò in quegli anni l’attività di incontri, a cui da anni si dedicava, accogliendo giovani, coppie, sacerdoti, seminaristi, religiosi, vescovi e cardinali.
A partire dal 2009 la sua salute peggiorò significativamente, senza che tuttavia la Serva di Dio smettesse di farsi carico dei bisogni altrui.
Nel 2010 adottò Francesco Beltrame, figlio di un suo cugino, per consentire la continuazione del cognome Beltrame Quattrocchi.
Morì a Roma il 16 giugno 2012, all’età di 98 anni.
La Serva di Dio visse la sua consacrazione al Signore all’interno della famiglia, dedicandosi totalmente alla cura e all’assistenza dei suoi genitori e impegnandosi in un’opera intensa di carità. Allo stesso tempo, si rese disponibile ad accompagnare con il suo consiglio e la sua parola chiunque si rivolgesse a lei. La preghiera, la lettura e la meditazione della Parola di Dio, la partecipazione quotidiana alla celebrazione eucaristica ritmavano con regolarità le sue giornate. La fede formava il suo modo di guardare e affrontare la realtà.
Visse la speranza nel suo quotidiano abbandono a Dio. L’attesa dell’incontro con Lui la rendevano capace di mantenere la serenità e la fiducia in ogni vicenda della sua vita. In particolare, affrontò con speranza cristiana sia le numerose malattie che ne costellarono la vita, sia le difficoltà economiche che afflissero i suoi ultimi anni a causa dei costi necessari per la sua assistenza. Costantemente attratta dall’incontro con Dio, attese senza timore anche la morte.
L’amore di Dio fu la ragione della sua vita. Cercò in tutte le sue attività di farlo conoscere a tanti. Impegnata a lungo tra le Dame di San Vincenzo, non si risparmiava dove vedeva bisogno e povertà. Con il tempo, poi, nel solco dell’esempio dei suoi genitori si dedicò in particolare all’accompagnamento delle coppie in crisi. Nei confronti dei genitori, si mise a servizio delle loro esigenze rinunciando totalmente alle proprie aspirazioni.


Fonte:
www.causesanti.va


Note:
Per approfondire: www.enrichettamestolinodidio.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2021-08-31

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati