Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > San Nicandro Grivskij Condividi su Facebook Twitter

San Nicandro Grivskij Sacerdote e martire

(Chiese Orientali)

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

26 luglio 1880 - 2 ottobre 1940


Nikandr Grivskij nasce il 26 luglio 1880 nel villaggio Volchino, governatorato di Pskov. Terminati gli studi teologici nel 1905 sposa Olga Sergeevna, nel 1912 viene ordinato sacerdote e destinato alla chiesa della Natività nel villaggio di Pochep (gov. di Pskov), una parrocchia di cerca un migliaio di persone. Nel 1918 gli muore la moglie, un figlio e una figlia. Gli rimangono due figli di dieci e cinque anni ed una figlia di tre.
Il 13 gennaio 1930 padre Nikandr viene arrestato. Era troppo buono – commenta la gente – per sperare di poter vivere in pace. Durante la perquisizione la polizia scopre una dichiarazione sottoscritta da alcune decine di contadini dove si chiedeva all’autorità competente di rivedere la quantità di prodotti agricoli da consegnare all’ammasso imposta al sacerdote, perché considerata eccessiva. Il giudice considera la dichiarazione un atto di evidente insubordinazione e un tentativo di promuovere una rivolta contadina contro il potere costituito. Padre Nikandr fa notare al giudice che i suoi campi avevano prodotto 65.5 pud (kg 1.057) di cereali e 80 pud (kg. 1.312) di patate, mentre avrebbe dovuto consegnare all’ammasso 120 pud di frumento e 350 pud di patate, moltp di più dell’intero prodotto. Ma per il giudice non è questione di numeri e di matematica. Il fatto sta che “nell’appartamento del prete Nikandr, in realtà si riunivano persone per esaminare piani di attività antisovietica”; così nell’atto di accusa.
Il 4 marzo 1930 il tribunale della Trojka condanna padre Nikandr a dieci anni di lager; il figlio Pietro e lo starosta Vasilij Chuprov a cinque anni di lager da scontarsi, per tutti, nelle isolo Solovki. Nel 1932 padre Nikandr è dichiarato invalido a qualsiasi lavoro, e ciò che rimane da scontare viene tramutato con il confino. Il 20 settembre 1938, al confino, viene nuovamente arrestato e accusato di calunnie contro il governo sovietico. Purtroppo si trovano tre sacerdoti disposti a deporre contro di lui. Le espressioni dei sacerdoti calunniatori, che troviamo negli atti del processo, ci fanno sospettare che siano state estorte con metodi persuasi. Il sacerdote Dmitrij Milovidov dichiara: “Il sacerdote Grivskij è contrario al potere sovietico fino all’estremo fanatismo”, Un altro sacerdote Nikolaj Chumaevski conferma: Conosco da molto tempo Grivskij, è un uomo chiuso in se stesso, guardingo, contrario al potere sovietico. Diffondeva calunnie nei confronti del Soviet Supremo!” Il terzo sacerdote Nikolaj Chernikov: “Il prete Grivskij diffondeva false idee: il potere sovietico perseguita la chiesa e condanna al lager sacerdoti innocenti, inventa false accuse pur di liberarsi dei preti”. Forse il dolore più grande di padre Nikandr non fu quello di essere stato condannato dai comunisti, ma da essere stato calunniato dai suoi confratelli. Per grazia, il martirio accettato con fede trasfigura tutto in bene, sul modello della Croce di Cristo
Il 16 settembre 1939 padre Nikandr Grivskij viene condannato a cinque anni di lager. Muore in lager nella provincia di Archangl’sk il 2 ottobre 1940 e viene sepolto in fossa comune.


Autore:
Padre Romano Scalfi


Fonte:
www.culturacattolica.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-05-09

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità