Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Venerabili > Venerabile Giustina Schiapparoli Condividi su Facebook Twitter

Venerabile Giustina Schiapparoli Fondatrice

.

Castel San Giovanni, Piacenza, 19 luglio 1819 - Voghera, Pavia, 30 novembre 1877


Giustina Schiapparoli, figlia terzogenita di Clemente e Giovanna Passera, nacque a Castel S. Giovanni - a quel tempo territorio del Ducato di Parma e Piacenza - il 19 luglio 1819. Ebbe due sorelle, Luigia e Maria, con quest’ultima condividerà sostanzialmente gli ideali di tutta la vita. Ben presto,nel 1824, dovettero piangere la morte della madre. Il padre Clemente, un arrotino, nel 1832 trasferì la famiglia a Voghera. Giustina, con le due sorelle, entrò nello “Stabilimento delle Benedettine” di Pavia voluto da Santa Benedetta Cambiagio Frassinello dove conseguirono il diploma di maestra. Si affezionarono a Madre Benedetta, diventando loro collaboratrice e nel 1838 la seguirono,in seguito a difficoltà, nel suo trasferimento a Ronco Scrivia. Nel 1849, su insistenza del padre ormai solo e malato, Giustina e Maria tornarono a Voghera. La sorella Luigia, che era tornata in casa, era morta, come pure, nel 1845, la seconda moglie del padre.
Nella casa paterna le due sorelle aprirono una scuola per bambine ispirata all’opera della Cambiagio-Frassinello: il 1849 è considerato l’anno di fondazione della nuova congregazione di suore che da quella piccola comunità ebbe origine: le Benedettine della Divina Provvidenza, già l’anno seguente approvate canonicamente dal vescovo di Tortona. Umili, mosse da una Fede profonda, infaticabili, le sorelle Schiapparoli trovarono l’apprezzamento del clero e della popolazione. A costo di grandi sacrifici accolsero sempre tutte le bambine, povere o disadattate, che bussavano alla loro porta. Le animò sempre una grande fiducia nella Divina Provvidenza, seguendo il motto benedettino: Ora et labora. Il padre morì nel 1853, le due sorelle si dedicano successivamente totalmente all’opera, seguite spiritualmente dai Francescani di Voghera. Si delinearono anche i loro due differenti caratteri: Giustina, pur essendo più giovane, aveva un maggior piglio direttivo. Nel 1861 ci fu l’importante riconoscimento come Ente Morale, l’anno seguente fu redatto un regolamento, di fatto analogo a quello dell’Istituto fondato da S. Benedetta Cambiagio. Intanto entrarono in Istituto tante ragazze che vestirono l’abito, provenienti anche da fuori la diocesi di Tortona. Mai si rinunciò all’impostazione cattolica delle attività, non era semplice filantropia, anche quando alle autorità civili si dovevano chiedereaiuti, per il vitto e per il vestiario. Si aprirono nuove case, anche fuori Voghera. Tra le fondazioni volute dalle Serve di Dio, quella di Castel San Giovanni, il loro paese natale, e quella di Vespolate (Novara), in cui nel 1869 si trasferì Maria. Avvenne così il distacco tra le due sorelle.
Le virtù che caratterizzarono la spiritualità di Madre Giustina furono indubbiamente la carità e l’umiltà unita all’eroica fortezza. Intraprendente e coraggiosa per carattere, a lei si deve il consolidamento dell’Istituto. Formò le prime suore, radicando il loro la fiducia verso la Divina Provvidenza. Amò la povertà e la vita austera, ebbe però sempre un’indole materna con le ragazze e con le suore, soprattutto le novizie. Morì a Voghera per “idropisia di petto”, in seguito anche a tante privazioni, a soli 58 anni, il 30 novembre 1877 mentre era Superiora Generale. Fu la prima religiosa che moriva nell’Istituto. Maria morì invece il 2 maggio 1882 a Vespolate.
La Congregazione ricevette il decreto papale di lode il 10 febbraio 1936 e l’approvazione definitiva della Santa Sede il 25 ottobre 1943. Dal 1936 ci fu la prima fondazione in Brasile. Seguirono le aperture di case in Albania, Bolivia, Guinea-Bissau, Kenya, India, Messico, Argentina, Paraguay, Romania, Mozambico, Tanzania, Malawui, Sri Lanka. Di Maria e Giustina Schiapparoli, nel 1999, furono aperte le cause di beatificazione. Il 6 marzo 2018 è stato pubblicato il decreto di venerabilità di entrambe le sorelle.


Autore:
Daniele Bolognini

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-04-24

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità