Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Venerabili > Venerabile Maria dello Spirito Santo (Délia Tétreault) Condividi su Facebook Twitter

Venerabile Maria dello Spirito Santo (Délia Tétreault) Religiosa e fondatrice

.

Sainte-Marie-de Monnoir oggi Marieville, Canada, 4 febbraio 1865 – Montréal, Canada, 1 ottobre 1941

E’ la fondatrice delle Suore Missionarie dell’Immacolata Concezione, la prima congregazione religiosa missionaria canadese.



Nascita e primi anni di vita
Délia Tétreault nacque il 4 febbraio 1865 a Sainte-Marie-de Monnoir, oggi Marieville in Québec  (Canada) da Alexis Tétreault, un agricoltore, e sua moglie, Céline Ponton. Délia e suo fratello gemello Roch erano tra i nove figli, e anche se era di costituzione debole, fu Roch che morì sette mesi dopo.
A distanza di due anni dalla morte del piccolo Roch sua madre morì, e suo padre, che non poteva provvede alla numerosa famiglia, decise di emigrare negli Stati Uniti per farsi una nuova vita.  Délia fu affidata alla zia materna, Julie Ponton e suo marito, Jean Alix.
Délia crebbe in una famiglia i cui genitori adottivi erano molto religiosi, e fin da bambina, si nascondeva nella soffitta di casa, dove trascorreva il suo tempo a leggere i periodici pubblicati dalla Propagazione della fede e dalla Holy Childhood Association, associazioni fondate per il sostegno dell’attività missionaria della Chiesa cattolica in Africa ed Asia. 
Frequentò la scuola di Marieville che era gestita dalle suore della Presentazione di Maria, che erano state fondate dalla beata Anne-Marie Rivier per l’educazione delle ragazze.

Un sogno premonitore
E’ quello il periodo in cui Délia fece un sogno curioso: una notte vide un campo di grano maturo dove improvvisamente, le spighe del grano divennero ognuna una testa di un bambino proveniente da diverse parti del mondo.
Délia alla giovane età di tredici anni, sente di essere chiamata alla vita religiosa per servire i bisognosi del mondo e a quindici anni decise di fare il suo voto di castità perpetua.

Tra le suore di diverse congregazioni religiose
A diciotto anni per realizzare la sua chiamata decise di entrare nel monastero carmelitano di Montreal, ma le monache della sua salute cagionevole non l’ammisero. Fu così che ripiegò tra le Suore Grigie della Carità di Montreal che avevano fondato una casa nella comunità agricola rurale di Saint-Hyacinthe, nel Quebec, e che fondarono l’Hotel-Dieu per il loro ministero di assistenza sanitaria, dove venne accettata quale postulante. Ma anche qui ebbe la percezione che quella sarebbe stata la sua strada.
Ma a causa della sua salute malferma dovette ben presto ritornare nella casa dei suoi zii. Délia in quel periodo, sentiva sempre più forte la sua vocazione per un servizio missionario alle donne canadesi, sul modello di come la Società delle missioni estere di Parigi aveva fornito al Canada nei primi ani del suo sviluppo.
Nel 1890, Délia conobbe un gesuita francese, padre Almire Pichon impegnato nell’apostolato tra i poveri, gli emarginati e gli ammalati che aveva fondato a Montréal la casa di “Béthanie”. Da laica impegnata iniziò a collaborare con questa istituzione e oltre ad occuparsi di tutte le sue opere di carità, si prendeva cura in maniera particolare di tutti quei ragazzi che tra le strade della città vendevano i giornali, preparandoli accuratamente a ricevere la loro prima comunione. Quando sua zia si ammalò gravemente, Délia dovette abbandonare tutto per assistere fino alla morte della sua madre adottiva.
Nel 1901, Délia Tétreault conosciuti due sacerdoti, tra cui Gustave Bourassa, che intendevano fondare a Montréal una scuola apostolica per futuri missionari, iniziò a collaborare con loro fino a diventare la direttrice di tale istituzione.

Fondatrice delle Suore Missionarie dell’Immacolata Concezione
Nel 1904, con alcune compagne laiche impegnate nella scuola apostolica, propose all’Arcivescovo di Montreal, mons. Paul Bruchési, l’idea di una fondazione di una nuova congregazione religiosa femminile. L’Arcivescovo, non contrario all’idea, nel suo viaggio a novembre dello stesso anno a Roma, ne parlò con Papa Pio X e il Pontefice per tutta risposta gli disse: “Fondate, monsignore, fondate. Tutte le benedizioni del Cielo ricadranno su questo nuovo Istituto e le chiamerete Suore Missionarie dell’Immacolata Concezione”.
Il giorno 8 agosto 1905, Délia Tétreault, insieme ad alcune sue compagne, pronuncialndo la sua professione religiosa, ricevette l’abito religioso e assunse il nome di madre Maria dello Spirito Santo (Mère Marie-du-Saint-Esprit). Subito dopo, la fondatrice redasse le Costituzioni e le Regole della nuova Congregazione che ottennero l’approvazione dell’Arcivescovo.
Nel 1909, le prime sei suore della nuova congregazione partirono per la Cina in direzione di Canton. In poco tempo, vennero aperte varie comunità in Quebec a supporto delle missioni della congregazione.
Nel 1920 fu realizzata la rivista missionaria, “Le Précurseur”, un bollettino il cui influsso divenne determinante per la fondazione del seminario canadese delle missioni estere, che fu istituito dai vescovi del Québec, il giorno 2 febbraio 1921.
Tredici anni dopo, nel 1933, erano state aperte ben trentasei comunità di suore missionarie in Canada, Cina, Giappone e Filippine.

Malattia e morte
Nello stesso anno, il 28 settembre, madre Maria dello Spirito Santo venne colpita da un ictus celebrare. Anche se era rimasta paralizzata, la fondatrice continuò ad espletare il ruolo di superiora generale della Congregazione. Ma dopo un periodo di atroci sofferenze, il giorno 1 ottobre 1941 madre Maria dello Spirito Santo morì.  La sua salma rimase esposta per quattro giorni nella casa madre della congregazione, e le cronache del tempo c’informano che oltre mille persone vennero a pregare sui suoi resti. Dopo il funerale, a cui parteciparono vescovi, sacerdoti e un’immensa folla di fedeli, il 7 ottobre, madre Maria dello Spirito Santo fu sepolta nel cimitero nel parco della casa madre.

Il processo per la beatificazione

La prima richiesta per l’eventuale beatificazione di Madre Maria dello Spirito Santo risale al 1958, quando la superiora generale dell’istituto ne chiese l’apertura dal cardinale Léger. Ma fu solo nel 1982 che il cardinale Paul Grégoire, arcivescovo di Montreal, appoggiò l’apertura del processo diocesano per la sua beatificazione, il cui inizio avvenne il 15 maggio 1985. Dopo il nulla osta della Santa Sede, ottenuto il 5 maggio 1986, l’inchiesta diocesana fu chiusa il 30 novembre 1987.
Il 23 febbraio 1990 la Congregazione delle cause dei Santive promulgò l’approvazione degli atti e dell’inchiesta diocesana.
Dopo l’approvazione delle virtù eroiche, avvenuta il 18 dicembre 1997, la Serva di Dio, Madre Maria dello Spirito Santo, al secolo Délia Tétreault, è stata dichiarata venerabile da Papa Giovanni Paolo II.
 


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-03-21

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità