Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Serva di Dio Madre Elisa Martinez Condividi su Facebook Twitter

Serva di Dio Madre Elisa Martinez Religiosa

.

Galatina, Lecce, 25 marzo 1905 - Roma, 8 febbraio 1991

Fondatrice delle Suore Figlie di Santa Maria di Leuca.



La Serva di Dio madre Elisa Martinez nacque a Galatina (Le) il 25 marzo 1905 dai coniugi Giacomo e Francesca Rizzelli. Primogenita di otto fratelli, fu dichiarata all’anagrafe con i nomi Elisa Maria Annunziata Antonia Giuseppa. Il 16 aprile 1905 fu battezzata nella parrocchia dei Santi Pietro e Paolo Apostoli di Galatina. Da suo papà mutuò sani principi morali e larghe vedute, da sua madre una fede robusta, per niente bigotta, e una vasta cultura. Secondo l’uso meridionale di molte famiglie della medio-borghesia – qual era la sua - dalla primavera fino all’inizio dell’autunno con i suoi cari si trasferiva in campagna, dove avevano una casa suddivisa da una parte residenziale e una colonica. Fin dalla più tenera età si contraddistinse per un amore particolare verso l’infanzia e i più indifesi che si accentuò frequentando le scuole magistrali. Spesso, infatti, riuniva attorno a sé i bambini, intrattenendoli con giochi e insegnando loro i primi rudimenti di catechismo e a pregare. Elisa sentiva il bisogno di partecipare quotidianamente alla santa Messa e di comunicarsi. Per questo, anche nel periodo in cui dimorava in campagna, pur di partecipare alla Celebrazione Eucaristica si alzava alle prime luci dell’alba per raggiungere a piedi o con il calessino del papà la vicina Collepasso.
Il papà, notando nella sua primogenita gli inizi di una forte inclinazione verso la vita religiosa e avendo altri progetti su di lei, cercò tutti i modi per distoglierla, organizzando continui festini. Elisa, però, non si lasciava coinvolgere, preferendo ritirarsi in preghiera, per gustare l’intimità del suo amato Gesù che già da allora aveva scelto come sposo della sua vita. Tuttavia, suo padre, rispettoso della libertà altrui e della decisione della figlia, cedette e nell’aprile del 1928 la lasciò partire per Angers in Francia tra le Suore di Nostra Signora della Carità del Buon Pastore. Qui il 29 settembre 1928 fece la vestizione religiosa e il 29 settembre dell’anno successivo la Prima Professione Religiosa, prendendo il nome di suor Lucia. Poi fu destinata nella casa di Chieti, dove si dedicherà all’educazione delle giovani.
Nel 1932, con grandissima sofferenza, per motivi di salute fu costretta a lasciare l’Istituto ma non l’ideale di continuare a seguire il Signore che aveva su di lei altri progetti. Infatti, per ispirazione divina pensò di fondare un Istituto Religioso e nel 1934 cominciò a muovere i primi passi. Il 19 marzo 1938, con l’aiuto del parroco di Miggiano (Le) don Luigi Cosi e il benestare del vescovo di Ugento, mons. Giuseppe Ruotolo, diede inizio alla Pia Unione delle Suore dell’Immacolata, mossa dall’esempio di Gesù buon Pastore e di Maria nell’atto di soccorrere la cugina Elisabetta, per dedicarsi alla catechesi nelle parrocchie, all’educazione della prima infanzia, all’assistenza delle madri nubili, dei carcerati e dei fratelli emigranti sparsi nel mondo.
Nonostante la sua giovane età, la Fondatrice si distinse fin d’allora per un grande spirito di maternità verso le sue suore, aspetto che la contraddistinse per tutto il resto della vita, affrontando i più grandi sacrifici pur di non far mancare nulla a nessuna di loro. Il 15 agosto 1941 mons. Ruotolo eresse la Pia Unione in Istituto di Diritto Diocesano, suggerendone il cambio del nome in “Suore Figlie di Santa Maria di Leuca”, in onore al maggior Santuario mariano presente in Diocesi e nel Salento.
In piena Guerra Mondiale madre Elisa si avventurò nel Nord Italia per espandere la Congregazione nascente. Dopo tante peripezie provocate dall’evento bellico che tagliarono praticamente in due l’Italia, rendendo impossibile il passaggio dall’una all’altra parte, la Madre Fondatrice tornò a Miggiano per riabbracciare il resto delle sue figlie dalle quali era rimasta forzatamente lontana. Con sua grande sorpresa e gioia indicibile, le trovò aumentate di numero grazie alla fedeltà della sua fidata collaboratrice, la serva di Dio madre Teresa Lanfranco. Nel 1946 le sedi della Casa Generalizia e del Noviziato della Congregazione furono trasferite a Roma; nel 1958 esse troveranno la definitiva residenza a Prima Porta. Intanto nel 1943 madre Elisa ottenne la grande consolazione del Decreto di erezione di Diritto Pontificio per la sua Congregazione Religiosa.
In questi anni madre Elisa, nonostante la sua fragilissima salute, riprese senza sosta i suoi lunghi ed estenuanti viaggi per estendere i rami della sua Congregazione in diverse parti del mondo, a cominciare dal resto dell’Europa (Svizzera, Belgio, Francia), fino a raggiungere l’America (Stati Uniti e Canada) e l’Australia. Ma per realizzare tutto ciò dovette pagare a più riprese il caro prezzo delle persecuzioni, calunnie e incomprensioni da parte di persone estranee (anche ecclesiastiche) e perfino da alcune sue suore ingrate e ribelli. Tuttavia non si abbatté mai, riponendo la causa della sua opera nelle mani di Dio.
Nulla fece senza sottomissione alla Madre Chiesa, per questo perfino il grande Pontefice Pio XII più volte la accolse in udienza con paterna bontà, incoraggiandola e benedicendola. Fu consolata anche dal consiglio e dalla benedizione di uomini e donne di vita santa, tra i quali san Pio da Pietrelcina e la beata madre Speranza di Gesù di Collevalenza, e dalla guida illuminata di saggi direttori di spirito.
Nel 1965 si scatenò un ulteriore battaglia durante il Secondo Capitolo Generale della Congregazione, allorquando madre Elisa non risultò più Superiora Generale. Accettò tutto con grande umiltà, edificando la maggior parte delle religiose che ancora di più apprezzarono la loro Santa Fondatrice. Ma quegli anni non furono sterili perché si dedicò alla fondazione di nuove case in Europa (Spagna e Portogallo) e in Asia (India e Filippine).
Superata questa prova, durante il Capitolo Speciale e Generale del 1970 madre Elisa unanimemente fu rieletta Superiora Generale, ma nel 1987, durante il nono Capitolo Generale, rinuncerà per motivi di salute a tale carica e verrà proclamata Madre Generale Emerita. Trascorse gli ultimi suoi anni nell’offerta silenziosa e gioiosa delle sofferenze fisiche, intensificando la preghiera che era stata da sempre la sua compagna di viaggio.
L’8 febbraio 1991, ricca di meriti, in Roma presso la Casa Generalizia andò incontro allo Sposo Divino, lasciando la grande eredità di 55 comunità religiose distribuite in otto paesi con 600 sue amate figlie che hanno diffuso il suo carisma con immutata fedeltà.
Il 12 novembre 2017 nella Basilica-Santuario di Santa Maria di Leuca si è conclusa l’Inchiesta Diocesana sulla sua vita, virtù e fama di santità, introdotta il 17 novembre 2016.
Per la fama santità sempre più crescendo la sua tomba, presso la cappella della Casa Generalizia della Congregazione, è meta di continui pellegrinaggi da parte di chi invoca la sua intercessione presso Dio.
 


Autore:
Mons. Sabino Amedeo Lattanzio, Postulatore

______________________________
Aggiunto/modificato il 2018-10-17

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati