Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Testimoni > Lucia Sozzi Condividi su Facebook Twitter

Lucia Sozzi Laica

Testimoni

1919 - 2011


Il 15 febbraio scorso è morta a Lecco la signorina Lucia Sozzi (1919-2011), grande amica e benefattrice delle missioni e animatrice missionaria in Italia. Nell’immediato dopoguerra aveva fondato con don Aldo Cattaneo a Lecco il “Laboratorio missionario”, associazione benefica che organizzava incontri e mostre e conferenze missionarie nelle parrocchie.

Ho conosciuto Lucia Sozzi nel settembre 1955, quando si celebrava a Lecco il centenario del martire lecchese padre Giovanni Mazzucconi. Don Aldo Cattaneo e Lucia avevano organizzato quella celebrazione, da cui è nata la Causa di beatificazione del martire. L’arcivescovo di Milano, mons. Giovanni Battista Montini, partecipando alla celebrazione, diceva che Mazzucconi era “un martire glorioso, anche se la Chiesa non ha ancora espresso il suo giudizio”. E poi, parlando con i superiori del Pime, esortava l’Istituto a iniziarne la Causa di beatificazione, che infatti è iniziata il 10 aprile 1959 a Milano col processo diocesano. Mazzucconi è stato beatificato da Giovanni Paolo II il 19 febbraio 1984. L’inizio stesso della Causa è dovuto soprattutto alla tenacia di padre Carlo Suigo, che poi ne ha scritto la biografia e la Positio, ma anche al sostegno di don Aldo e di Lucia.

Lucia era “il braccio destro” di don Aldo, fin dalla fondazione del “Laboratorio missionario” e ha speso tutta la sua vita per le missioni. La sua memoria resterà in benedizione per molti  missionari e in particolare per quelli del Pime specialmente, aggiungo, quelli della Papua  Nuova Guinea (che Lucia ha visitato tre volte) per gli ingentissimi aiuti economici che il Laboratorio e i volontari laici del Laboratorio hanno dato a quella missione del Beato Mazzucconi. Sono andato diverse volte a parlare agli associati del laboratorio e l’ho seguita nel suo lavoro, che faceva con grande amore e dedizione. Di lei ricordo solo due aspetti, che ci possono insegnare qualcosa anche oggi:

1)  All’inizio gli associati al Laboratorio erano cristiani praticanti e già amici delle missioni. Poi, quando il Laboratorio è decollato e a Lecco ha acquistato una giusta rinomanza per molte iniziative anche culturali, don Aldo insisteva nel dire che attraverso le lettere dei missionari, a volte lunghe e anche commoventi, bisognava interessare le persone che erano fuori dei circoli parrocchiali. Lucia prendeva sul serio questa intuizione del suo maestro spirituale. Ricordo che mi diceva: “Mando il bollettino e copia delle lettere migliori dei missionari ai negozianti, ai commercianti, ai professionisti e ad altri, che poi vado a trovare per chiedergli un contributo per le missioni, perché i racconti dei missionari interessano sempre. Così entrano nel nostro giro e si avvicinano alla chiesa”. So che si dava da fare molto per estendere il gruppo di amici e benefattori, anche con l’intento di riportarli ad una fede più partecipata. Questo spirito missionario mi ha sempre colpito e oggi, quando Benedetto XVI chiama tutti i battezzati a mobilitarsi per la “nuova evangelizzazione”, penso che sia la miglior lezione di don Aldo e di Lucia a noi tutti, che ne veneriamo la memoria.

2)  L’altro aspetto della personalità di Lucia Sozzi era la fitta e densa corrispondenza che teneva con i missionari (non solo del Pime). Scriveva molte lettere e i missionari rispondevano con altre. Lucia mi diceva: “Le lettere che riceviamo dai missionari non sono quelle circolari inviate a tanti indirizzi per cercare aiuti, ma lettere originali scritte apposta per noi. Ringraziano anche delle offerte ricevute, ma contengono spesso le loro esperienze, il racconto di una vita. Alcune sono bellissime, sono per noi materiale di riflessione a invitano alla preghiera”. Il missionario fra i non cristiani non ci chiede solo preghiere e aiuti, ma deve essere anche un ponte di conoscenza, comprensione e fraternità fra i popoli.

Oggi purtroppo si scrive molto meno di una volta. I rapidi mezzi di comunicazione (telefono e posta elettronica) quasi eliminano la corrispondenza. In passato era più facile, ma non si può lasciar perdere l’esperienza del Laboratorio in questo senso. Posso dire che nell’Archivio generale del Pime a Roma, nei settori dei singoli missionari dell’ultimo mezzo secolo spesso c’è una cartella apposita intitolata “Lettere al Laboratorio missionario di Lecco”. Del prossimo Beato (giugno 2011,  se Dio vuole) padre Clemente Vismara (1897-1988) ne abbiamo circa 120 e del servo di Dio fratel Felice Tantardini di Introbio (1798-1991), un centinaio. Dopo il beato Mazzucconi, il fabbro ferraio fratel Felice è un’altra  bella espressione missionaria del lecchese (69 anni in Birmania!) che bisogna rilanciare per giungere alla beatificazione.


Autore:
Padre Piero Gheddo


Fonte:
ZENIT

______________________________
Aggiunto/modificato il 2011-02-24

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati