Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Fabiano Abrantowicz Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Fabiano Abrantowicz Sacerdote e martire

.

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Novogrudok, Bielorussia, 14 settembre 1884 Butyrki, Russia, 2 gennaio 1946

Fabian Abrantowicz nacque il 14 settembre 1884 a Novogrudok. Studiò in seminario e all’Accademia teologica, si laureò in filosofia all’università di Lovanio, conseguì il titolo di docente di teologia e il dottorato in filosofia. Ordinato sacerdote nel 1908, esercitò il suo ministero presso alcune parrocchie e in seguito divenne rettore del seminario di Minsk. Scrisse alcune pubblicazioni. Nel 1926 entrò nell’ordine dei padri mariani. Dal novembre 1928 fu amministratore apostolico per i cattolici di rito orientale a Harbin. Sotto la sua direzione furono aperte alcune scuole. Nel 1939 fu arrestato al confine sovietico, mentre tornava da una visita a Roma. Rinchiuso in carcere, morì il 2 gennaio 1946 nella prigione di Butyrki. La fama della sua santità si è diffusa tra i fedeli della Bielorussia e di altri paesi.



Padre Fabian è amministratore apostolico bizantino per i russi in Cina. Nace il 14 settembre 1884 nella città di Navahrudak nella Bielorussia Occidentale., Frequenta gli studi all’Accademia teologica di Pietroburgo e nel 1908 viene ordinato sacerdote. Negli anni 1910-1912 insegna nel ginnasio presso la parrocchia di S. Caterina. Quindi perfeziona i suoi studi all’università cattolica di Lovanio (Belgio). Ritornato in patria fonda “L’Unione democratica cristiana” per la formazione di una cultura nazionale cristiana.
Nel 1919 padre Fabian è rettore del nuovo seminario diocesano che nel 1920 trasferisce a Pinsk, in terra polacca, prima che venga chiuso dal potere sovietico. Nel 1926 si ritira in monastero e l’anno dopo pronuncia i voti solenni. Nel 1928 è nominato Amministratore apostolico per dirigere la diocesi greco cattolica in Cina. Ad un suo amico confida di accettare la nuova missione come Cristo ha accettato la Croce. Questo non gli impedisce di impegnare tutte le sue forze per far rinascere nuove parrocchie e nuove iniziative culturali. Scrivendo al cardinal Sincero, gli confida: “Anche se non riuscirò a combinare molto, con la grazia di Dio, sono disposto a morire per Cristo e per la Chiesa”.
Nel 1939 padre Fabian si reca a Roma, sia per riferire al Papa della sua attività che per partecipare al capitolo generale del suo ordine. Nel viaggio di ritorno a Leopoli lo sorprende la Seconda guerra mondiale e nel tentativo di passare la frontiera il 25 ottobre 1939 viene arrestato dai sovietici. E’ accusato di antisovietismo e di essere una spia del Vaticano. Durante gli interrogatori viene usata generosamente la tortura, come risulta da testimoni in prigione con lui. “Nei primi giorni d’aprile vissi per tre giorni nella stessa cella n. 80 della prigione di Leopoli. Una volta di ritorno dall’interrogatorio vidi padre Fabian coperto di lividure, martoriato, pieno di sangue. Era picchiato fino alla perdita dei sensi e quando ritornava in se, riprendevano a picchiarlo. Durante la tortura pregare continuamente. Di giorno gli impedivano di dormire e di notte, dalle nove di sera alle cinque del mattino lo interrogavano. Veniva riportato in cella e buttato per terra come fosse un sacco” (Josif Beljanskij).
Dopo tre mesi di tormenti nella prigione di Leopoli padre Fabian, per proseguire l’inchiesta, viene trasportato a Mosca dove rimane fino all’agosto del 1942. Nonostante i prolungati tormenti padre Fabian professa la sua innocenza e nello stesso tempo dichiara apertamente che non può accettare l’ideologia del comunismo e in particolare la lotta contro la religione. Il 23 settembre 1942 padre Fabian viene condannato a 10 anni di lager da scontarsi nel Karlag. In realtà al lager padre Fabian non vi giunge.
Padre Fabian Abrantovič muore a Mosca nella prigione Butyrka il 2 gennaio 1946.
Il metropolita Andrej Šeptickij, in una lettera indirizzata al cardinal Eugenio Tisseran, prefetto della Congregazione orientale, aveva indicato l’archimandrita Fabian come la persona più degna alla consacrazione episcopale.


Fonte:
www.russiacristiana.org

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-05-10

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità