Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione B > Beato Basilio Aftenie Condividi su Facebook Twitter

Beato Basilio Aftenie Vescovo e martire

10 maggio

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Lodroman, Romania, 14 giugno 1899 Văcăreşti, Romania, 10 maggio 1950

Vasile Aftenie nacque il 14 giugno 1899 a Lodroman, in Romania. Dopo gli studi teologici compiuti in patria e a Roma presso il Collegio Greco di Sant’Atanasio, fu ordinato sacerdote il 1° gennaio 1926. Nell’aprile 1940 fu nominato vescovo ausiliare della diocesi di Făgăraş e Alba Iulia. Arrestato il 28 ottobre 1948 con gli altri vescovi greco-cattolici, fu imprigionato a Dragoslavele, quindi nel monastero ortodosso di Căldăruşani. Il 25 maggio 1949 venne trasferito, tenuto in isolamento e torturato presso il Ministero degli Interni a Bucarest. Le vessazioni che aveva subito gli causarono un ictus cerebrale, per cui venne condotto nell’ospedale del carcere di Vacaresti, dove morì il 10 maggio 1950. I suoi resti mortali, riesumati nel 2010 dal cimitero cattolico Bellu, riposano attualmente nella chiesa “Bunavestire” di Bucarest. È stato inserito nella causa di beatificazione che comprendeva in tutto sette vescovi della Chiesa greco-cattolica romena unita con Roma, morti dal 1950 al 1970, durante la persecuzione religiosa portata avanti in Romania dal regime comunista. La beatificazione dei sette vescovi è stata fissata a domenica 2 giugno 2019, durante il viaggio apostolico in Romania di papa Francesco. La loro comune memoria liturgica è fissata al 2 giugno.



Vasile Aftenie nacque il 14 giugno 1899 a Lodroman, nel distretto di Alba in Romania, figlio di Petru e Agafia. Ricevette il Battesimo e la Cresima il 16 luglio dello stesso anno. Frequentò le elementari nella scuola del suo paese, ma per le superiori studiò a Blaj, non lontana dal suo villaggio natale.
Nel 1919 si iscrisse all’Accademia di Teologia di Blaj; in seguito fu inviato a studiare presso il Collegio Greco di Sant’Atanasio a Roma. Nel 1925 ottenne il dottorato in filosofia e teologia e fece ritorno in patria. Il 1° gennaio 1926 ricevette l’ordinazione sacerdotale a Blaj, dal metropolita Vasile Suciu, come sacerdote celibe (la Chiesa greco-cattolica prevede anche membri sposati nel clero).
A un mese dall’ordinazione, fu nominato professore di Storia della Chiesa e Diritto Canonico nell’Accademia di Teologia di Blaj. Grazie al suo carattere gioviale, riuscì a risultare simpatico alle molte persone che avevano a che fare con lui. Fu poi nominato protopope (titolo corrispondente a quello di “arciprete” nella Chiesa latina) di Bucarest, nonché canonico del Capitolo arcivescovile di Blaj.
Il 1° ottobre 1939 divenne rettore dell’Accademia di Teologia di Blaj. Nell’aprile 1940 fu nominato vescovo titolare di Ulpiana, ricevendo l’incarico di ausiliare del metropolita Alexandru Nicolescu, vescovo di Făgăraş e Alba Iulia. La consacrazione episcopale ebbe luogo il 5 giugno 1940 nella cattedrale di Blaj. Ritornò come vicario per Bucarest e il Vecchio Regno, ossia il territorio del primo Stato nazionale romeno.
Mentre il regime comunista cercava di smantellare la Chiesa cattolica romena, sia di rito greco sia di rito latino, monsignor Aftenie rimase saldo nelle sue posizioni: non avrebbe mai spezzato il legame con la Sede Apostolica, ossia con il Papa di Roma. I suoi confratelli vescovi fecero lo stesso, esortando come lui i fedeli in vista dei difficili tempi che si profilavano.
Falliti diversi tentativi volti a comprometterlo, fu infine arrestato il 28 ottobre 1948 dal regime comunista, come anche l’intero episcopato greco-cattolico. Tutti i vescovi vennero portati a Dragoslavele e poi al monastero ortodosso di Căldăruşani, trasformato in campo di concentramento.
Il 25 maggio 1949 venne separato dai confratelli e tenuto in isolamento nei sotterranei del Ministero degli Interni a Bucarest, dove per dieci mesi subì torture. Rifiutò la proposta di diventare metropolita ortodosso di Moldavia: era una manovra del regime, non veniva dalla Chiesa ortodossa. La Securitate, ossia la polizia di regime, cercò di organizzare un processo politico per occultare che l’arresto era avvenuto per motivi religiosi.
A causa delle violenze fisiche e psicologiche, il 25 marzo 1950 monsignor Aftenie ebbe un ictus cerebrale. Fu portato all’ospedale della prigione di Vacaresti, dove morì il 10 maggio 1950, quarantacinque giorni dopo.
Fu seppellito nel cimitero cattolico Bellu con un funerale di rito latino. La sua tomba, riconoscibile in quanto era indicata con le sue iniziali e la data della morte, divenne meta di pellegrinaggi. I resti mortali sono stati traslati il 12 maggio 2010; attualmente riposano nella chiesa “Bunavestire” di Bucarest.
Il 28 gennaio 1997 la Santa Sede ha concesso il nulla osta per l’avvio della comune causa di beatificazione e canonizzazione di monsignor Aftenie e degli altri sei vescovi greco-cattolici morti negli anni del regime comunista in Romania. Il processo eparchiale (ossia diocesano) per il riconoscimento del loro martirio è iniziato il 16 gennaio 1999 a Blaj e si è concluso il 10 marzo 2009.
Il 7 novembre dello stesso anno sono stati aperti i plichi della relativa documentazione, convalidata col decreto del 18 febbraio 2011. Dopo sette anni di lavori, nei quali sono emerse altre testimonianze d’archivio, è stato possibile ultimare la “Positio super martyrio”, consegnata nel 2018.
Il 19 marzo 2019, ricevendo in udienza il cardinal Giovanni Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto con cui i sette vescovi venivano ufficialmente dichiarati martiri.
La loro beatificazione è stata fissata a domenica 2 giugno 2019, nel corso del viaggio apostolico in Romania dello stesso Pontefice. La comune memoria liturgica è fissata al 2 giugno, anniversario della beatificazione.


Autore:
Emilia Flocchini

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-06-02

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati