Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Paola Adamo Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Paola Adamo Adolescente

.

Napoli, 24 ottobre 1963 28 giugno 1978

Paola Adamo nacque a Napoli il 24 ottobre 1963, figlia di Claudio Adamo e Lucia D’Ammacco, architetti di professione e Salesiani Cooperatori. Si trasferì con loro a Taranto, dove frequentò la parrocchia di San Giovanni Bosco e l’annesso oratorio, retti dai Salesiani di Don Bosco. Con donazione serena e cosciente, s’impegnò a vivere con amore i propri doveri verso Dio e i fratelli. Nel suo diario, che iniziò a nove anni, lasciò alcune massime che riflettono il suo desiderio di progredire verso il bene. Nel giugno 1978 si sentì male e fu ricoverata all’ospedale Cotugno di Napoli: le fu diagnosticata un’epatite virale fulminante. Morì il 28 giugno, a quattordici anni e otto mesi. La sua fama di santità, perdurata oltre quarant’anni dopo la sua morte, ha condotto l’Arcidiocesi di Taranto a muovere i primi passi per l’avvio della sua causa di beatificazione e canonizzazione, per l’accertamento delle sue virtù eroiche. L’Editto che annuncia l’apertura della causa porta la data dell’8 settembre 2018. I resti mortali di Paola riposano presso il cimitero “San Brunone” di Taranto, nel Campo 35 – Cappella D’Ammacco Adamo.



Paola Adamo nacque a Napoli il 24 ottobre 1963, figlia di Claudio Adamo e Lucia D’Ammacco. Fu battezzata lo stesso giorno della nascita nella cappella della clinica Posillipo, dov’era venuta alla luce alle 3 di notte.
I genitori, entrambi architetti di professione, erano anche Salesiani Cooperatori e catechisti. Furono proprio loro a preparare la bambina alla Prima Comunione, avvenuta il 28 maggio 1972 nella parrocchia di San Giovanni Bosco a Taranto, e alla Cresima, che le fu impartita due anni dopo, il 22 giugno. Suo padre era stato incaricato come progettista proprio di quella chiesa. Nell’ambiente dell’oratorio salesiano, Paola crebbe e si formò.
Amava tanto i genitori, a cui dedicava le sue poesie. Frequentò lezioni di danza classica e per tre anni praticò il nuoto. Suonava agevolmente la chitarra, felice di cantare e suonare per i suoi genitori.
La sua incontenibile gioia di vivere era espressa anche nei contatti con le sue compagne di classe, a cui voleva molto bene. Frequentò con profitto il Liceo Artistico «Lisippo» di Taranto, dove il padre era insegnante. In particolare, prediligeva la compagnia di ragazze un po’ emarginate dal resto della classe. Una di queste divenne in seguito la sua migliore amica, seconda solo ai genitori quanto all’affetto.
Sensibile e intelligente, già a nove anni iniziò a scrivere un diario segreto. È una fonte di pensieri e massime, molto profonde a dispetto della sua età. Ne citiamo alcuni, scritti quando aveva tredici anni: «Aspetta con calma ed avrai tutto ciò che desideri». «L’uomo deve fare solo ciò che può fare e non ciò che vuole fare, altrimenti diventa solo causa di disastri». «Se Dio è la sorgente di tutte le cose, solo Lui ci potrà fare davvero felici!». «Se credi in Dio, hai il mondo in pugno».
Ogni sera leggeva qualche pagina della biografia di san Giovanni Bosco scritta dal cardinal Carlo Salotti e faceva l’esame di coscienza con molta attenzione. Lo scrisse in uno dei suoi componimenti: «Quando poi la sera, prima di addormentarmi, faccio il bilancio della giornata, mi rimane tanta amarezza per le ore libere che sono sfuggite così stupidamente e mi ritrovo con gli occhi pieni di lacrime».
Una mattina di giugno 1978, quando stava per terminare l’anno scolastico (era in II Liceo), Paola chiese ai genitori il permesso di non andare a scuola: diceva di avere un dolore al fianco destro. La madre acconsentì, mentre il padre, inizialmente, non le credette e le disse di andarci: come figlia di un insegnante, non doveva dare il cattivo esempio.
La sera del 9 giugno, mentre era seduta in poltrona, Paola sentì freddo: i suoi videro che aveva la febbre. Ciò nonostante, partirono ugualmente per Napoli, dove avrebbero dovuto trascorrere le vacanze.
Una volta tornata a casa, la sua situazione non migliorò: venerdì 23 giugno 1978 fu ricoverata in clinica. Il medico diagnosticò un’epatite virale, malattia che Paola aveva già avuto da bambina. Il giorno dopo la diagnosi fu confermata, ma la ragazza era ormai in stato pre-comatoso.
Dopo due ore di viaggio, fu riportata a Napoli: la sera del 25 giugno venne ricoverata all’ospedale Cotugno. Lungo la strada, Paola domandava: «Papà, perché siamo a Napoli? Papà, cosa ho di grave? Papà, ma quando guarirò? ... ma guarirò? Papà aiutami!».
Il 27 giugno ricevette l’Unzione degli Infermi. Il giorno dopo era ormai grave: aveva un’epatite virale fulminante. Il padre cercò ugualmente di consolarla: «Coraggio, Paola, vinceremo». Lei, però, rispose: «No, papà, abbiamo perduto!». Fu portata in rianimazione, mentre i genitori aspettavano pregando. Qualcuno li raggiunse, in lacrime: «Paola non soffre più, è in pace. Da Dio». Era il 28 giugno 1978: Paola aveva quattordici anni e otto mesi. Fu sepolta a inizialmente a Napoli, successivamente i suoi resti furono traslati presso il Cimitero “San Brunone” di Taranto, nella cappella di famiglia, al Campo 35.
A un anno dalla sua morte, Claudio e Lucia Adamo hanno affidato al libro «Dialogo con Paola» il messaggio d’amore rappresentato dalla vicenda terrena della loro figlia. È stato solo il primo di una serie di biografie che hanno contribuito a far conoscere Paola in Italia e non solo.
Nel 1998 si è poi costituito L’ «(E)laboratorio Amici di Paola Adamo», con lo scopo di raccogliere testimonianze, relazioni di grazie e documentazione che comprovasse la fama di santità della ragazza. Un concorso letterario, giunto alla quinta edizione nel 2018, ha contribuito a far riflettere i giovani sui temi a lei più cari.
L’8 settembre 2018, è stato promulgato l’editto di S.E. Monsignor Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto, con il quale è annunciata l’apertura della causa di beatificazione di Paola, a quarant’anni dalla sua morte.


Autore:
Antonio Borrelli ed Emilia Flochini


Note:
Per informazioni: www.paolaadamo.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2018-09-30

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati