Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Bibliografia > Accattoli Luigi, Nuovi Martiri. 393 storie cristiane nell'Italia di oggi Condividi su Facebook Twitter

Accattoli Luigi, Nuovi Martiri. 393 storie cristiane nell'Italia di oggi San Paolo

.

2000, 288 p., brossura


"Nel nostro secolo sono ritornati i martiri" afferma il Papa: Luigi Accattoli ha condotto un'indagine giornalistica sul martirio cristiano nell'Italia di oggi e ho trovato quasi 400 personaggi definibili come "testimoni della fede", con criteri simili a quelli adottati dalla Commissione "Nuovi martiri" del Grande Giubileo. I risultati dell'indagine sono esposti nel volume "Nuovi martiri. 393 storie cristiane nell'Italia di oggi", San Paolo 2000.
In maggioranza, questi "testimoni" italiani sono morti negli anni della seconda guerra mondiale: per salvare gli ebrei dalla persecuzione (25 casi: da padre Girotti agli undici certosini di Farneta), nelle stragi operate dall'occupante nazista (64 nomi), in difesa della dignità della persona umana (100 nomi: da Salvo d'Acquisto a Teresio Olivelli) sia nei confronti dell'oppressione nazifascista, che delle vendette di parte comunista.
Dopo i testimoni della guerra, il gruppo più numeroso raccoglie i "martiri della missione" (146 nomi): si tratta dei missionari che sono morti di morte violenta nei paesi di missione, da quelli uccisi in Cina all'inizio del secolo agli ultimi che sono morti in Africa e a Timor Est l'anno scorso.
Altri 58 nomi si distribuiscono nei capitoli riguardanti i "martiri della carità", quelli della "giustizia" e quelli della "dignità della donna": si va da don Berretta a Maria Goretti, dai giudici uccisi dalla mafia (Livatino e Borsellino) alle vittime del terrorismo (Moro, Bachelet, Taliercio), ai volontari delle missioni di pace e delle missioni umanitarie uccisi in Somalia, in Bosnia, nello Zaire.
L'attenzione al martirio cristiano nella nostra epoca è un dono di Giovanni Paolo II alla Chiesa: un dono che gli viene dalla grande esperienza di sofferenza del suo popolo lungo il secolo.
Insieme ai polacchi (tremila furono solo i sacerdoti deportati nel lager nazista di Dachau), i popoli che hanno dato il maggior numero di martiri sono quello spagnolo, quello messicano e quello tedesco: ed è cristianamente bello vedere che, insieme a tanti passivi esecutori delle direttive omicide del nazismo, la Germania abbia generato anche tanti testimoni che hanno pagato con la vita la resistenza al male. L'Italia - secondo la mia valutazione - viene subito dopo, per numero di "testimoni": direi per quinta, dopo i Paesi elencati sopra.
La Commissione per i "Nuovi martiri" ha raccolto 12.692, schede riguardanti altrettanti "testimoni": 8.670 sono europei, 1706 asiatici, 1.111 dell'ex Unione sovietica (che è in parte europea e in parte asiatica), 746 dell'Africa, 333 delle Americhe, 126 dell'Oceania.
Le caratteristiche specifiche del martirio italiano sono due: il gran numero di "martiri della missione" (c'è da secoli un primato missionario italiano, confermato anche da questa indagine) e di testimoni che muoiono per salvare un fratello. E' la nota della carità fraterna che ha sempre caratterizzato più d'ogni altra l'essere cristiani in questo Paese.

______________________________
Aggiunto/modificato il 2007-06-30

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati