Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione M > San Michele di Sinnada Condividi su Facebook Twitter

San Michele di Sinnada Vescovo

23 maggio

† 826

Martirologio Romano: A Sínnada in Frigia, oggi in Turchia, san Michele, vescovo, che, uomo di pace, favorì la concordia tra Greci e Latini; relegato poi in esilio per il culto delle sacre immagini, morì lontano dalla patria.


Michele fu uno dei più validi difensori dell’ortodossia contro l’eresia iconoclasta. Nacque a Sinnada (oggi Qifut-Kasaba), metropoli della Frigia Salutare, verso il 750. I genitori erano ricchi e senza figli e avevano ottenuto la sua nasciti pregando san Michele, perciò gli dettero il nome dell’arcangelo.
Dopo aver compiuto buoni studi nel luogo natale, il giovane si recò a Costantinopoli e strinse amicizia con Teofilatto, allora segretario particolare del patriarca Tarasio (784-806). Ambedue abbracciarono la vita religiosa nel monastero che il futuro patriarca Niceforo I aveva fondato sulla riva asiatica del Bosforo. Tarasio li richiamò, li nominò skevofilacti (= custodi dei vasi sacri) e li ordinò preti.
Poco dopo, Michele fu scelto come metropolita di Sinnada sua patria. Prese parte al secondo concilio di Nicea (787) durante le due ultime sessioni e ne firmò la professione di fede.
Per la sua fama di uomo abile nel trattare gli affari fu inviato dall’imperatore Niceforo I a Bagdad, per negoziare la pace con Harùn-al-Rasid (806); Michele riuscì ad ottenerla in modo onorevole, ma essa durò poco, perché l’imperatore venne meno ai suoi impegni. Michele I Rhangabé (811-813), nel desiderio di intesa con l’Occidente, ricevette favorevolmente un’ambasceria di Carlo Magno e rispose inviando una missione ufficiale guidata da Michele (811). Questi rimise al papa Leone III una lettera del patriarca Niceforo, che gli annunciava la sua nomina, scusandosi del ritardo. Gli ambasciatori greci furono bene accolti da Carlomagno, che firmò con essi un trattato (812). Di passaggio per Roma, Michele strinse amicizia con un monaco errante originario di Creta, chiamato Gregorio, lo condusse con sé al ritorno e lo fece stabilire nel monastero del capo Acritas, dove le sue vittime lo fecero venerare come santo. L’imperatore Michele Rhangabé, vinto dai Bulgari, fu deposto e sostituito da, Leone V l’Armeno (813-820) che scatenò la persecuzione contro il culto delle immagini. Nella grande conferenza di funzionari e di ecclesiastici da lui riunita nel dicembre 814, infatti, dichiarò che non avrebbe permesso il culto delle immagini.
Michele fu tra quei coraggiosi oratori che difesero là dottrina ortodossa, cosicché venne colpito dalle misure repressive. Poco tempo dopo la deposizione e l’esilio del patriarca Niceforo (marzo 815), Michele fu internato nella fortezza di Eudossiade e conobbe in seguito molte altre prigioni. La morte di Leone V (25 dicembre 820) gli rese la libertà, ma non poté rientrare nella sua diocesi. Morì il 23 maggio 826 probabilmente sulla costa d’Asia, davanti a Costantinopoli, poiché il suo amico san Teodoro Studita, che allora viveva nella penisola di san Trifone, assistette ai suoi ultimi istanti raccontandoli poi ai suoi monaci in una catechesi.


Autore:
Raymond Janin


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2018-05-18

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati