Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servi di Dio Karol Wojtyla ed Emilia Kaczorowska Condividi su Facebook Twitter

Servi di Dio Karol Wojtyla ed Emilia Kaczorowska Genitori di San Giovanni Paolo II

.

Karol: Lipnik, 18 luglio 1879 Cracovia, 18 febbraio 1941
Emilia: Bielsko-Biała, 26 marzo 1884 Wadowice, 13 aprile 1929

Karol Wojtyła nacque a Lipnik in Polonia il 18 luglio 1879. Lavorò come sarto, poi fu militare: dal 1900 fu sottufficiale dell’esercito austriaco e pii tenente in quello polacco. Il 10 febbraio 1906 sposò Emilia Kaczorowska, sarta, figlia di un sellaio, nata a Bielsko-Biała il 26 marzo 1884. Dopo il primogenito Edmund e Olga, che morì poco dopo la nascita, a Emilia fu sconsigliato di avere altri bambini, a causa della sua salute molto compromessa: ciò nonostante, mise al mondo ancora Karol Józef. Alla morte della sua sposa, avvenuta il 13 aprile 1929 a causa di una nefrite, Karol, che si era dimesso dall’esercito per motivi di salute, allevò i figli educandoli all’operosità e alla preghiera. Edmund morì il 4 dicembre 1932; suo padre lo seguì il 18 febbraio 1941, per un attacco cardiaco. Karol junior, poi eletto Papa col nome di Giovanni Paolo II e canonizzato nel 2014, ebbe per i suoi genitori una particolare venerazione. Nell’ottobre 2019 la Conferenza Episcopale Polacca approvò l’avvio delle cause di beatificazione e canonizzazione dei coniugi Wojtyla. Ottenuto nel 2020 il nulla osta dalla Santa Sede, monsignor Marek Jędraszewski, arcivescovo di Cracovia, il 2 marzo dello stesso anno promulgò gli Editti relativi ai due processi distinti per la verifica della loro fama di santità e dell’eroicità delle loro virtù. Karol senior, Emilia e Olga riposano nel cimitero di Rakowicki.



La madre di Giovanni Paolo II, Emilia Kaczorowska, era figlia di un sellaio lituano, ma era nata in Slesia il 26 marzo 1884. Aveva otto fratelli. La famiglia si trasferì a Cracovia quando Emilia era ancora piccola e fu bersagliata da dolori e disgrazie. In pochi anni, Emilia perse quattro fratelli e anche i genitori. Per alcuni anni crebbe in un Collegio delle suore della Misericordia. Poté frequentare solo le scuole elementari. Poi dovette pensare a guadagnarsi da vivere facendo la sarta.
Era gracile e cagionevole di salute, ma era molto bella.
Maria Janina, una coetanea di Emilia, nel 1978, subito dopo l’elezione a Pontefice di Karol Wojtyla, ricordava: «Emilia Kaczorowska, da ragazza, era la più bella ed elegante di Wadovice. Abitavamo nella stessa casa. Era snella, aveva profondi occhi neri e un sorriso disarmante. Di carattere era gaia e sempre serena. Vestiva modestamente, ma era distinta, molto femminile. Si confezionava lei stessa i vestiti. Aveva capelli lunghi e si pettinava, come si usava allora, puntandoli tutti in alto».
Il padre del Papa si chiamava Karol. Al figlio poi diede il proprio nome, come si usava spesso allora. Era nato nel 1879. Era figlio di un sarto e anche lui aveva imparato il mestiere del sarto, ma poi lo aveva abbandonato per un posto di ufficiale di carriera nell’esercito.
«Era alto, con spalle molto dritte e aveva un incedere armonioso», raccontava Maria Janina, la vicina di casa. «Gli stivali lunghi e la divisa militare con le scintillanti tre stellette di sottufficiale sul colletto gli davano fascino ed eleganza. Era molto ammirato dalle ragazze. Anche Emilia si era nascostamente innamorata di lui, e fu felicissima quando Karol la scelse come fidanzata».
I due giovani si erano conosciuti nella chiesa cattolica di Cracovia che entrambi frequentavano. Emilia se ne era innamorata subito. Secondo un rapporto dell’esercito austriaco, dove Karol prestava servizio, egli era «onesto, leale, serio, educato, modesto, retto, responsabile, generoso e instancabile». Era anche un affascinante parlatore. Tutte doti preziose, immediatamente apprezzate da Emilia.
Si sposarono il 10 febbraio 1904 e subito dopo si trasferirono a Wadowice, dove aveva sede un prestigioso reggimento di fanteria in cui Karol Wojtyla svolgeva compiti amministrativi.
Nell’agosto del 1906, Emilia diede alla luce un maschietto, che fu chiamato Edmund. Ma già fin da quel primo parto risultò che Emilia aveva una salute gracile e che successive maternità potevano essere fatali per lei. I medici quindi le consigliarono di non avere altri figli.
La vita dei coniugi Wojtyla a Wadowice trascorreva serena. Lo stipendio di Karol non era pingue ma sufficiente. Emilia lo amministrava con oculatezza. Lavorava anche lei come sarta contribuendo al bilancio familiare. Amava vestire bene il suo bambino e andava a comperargli qualche vestitino a Cracovia.
Edmund era intelligente, studiava con profitto. Emilia decise che quel suo ragazzo doveva frequentare l’università e diventare importante. Era orgogliosa di lui.
Nel 1914 però Emilia rimase di nuovo incinta. La gravidanza questa volta fu difficile, il parto complicato e nacque una bambina che visse poche ore. Emilia la volle chiamare Olga, come la propria sorella morta a soli 22 anni.
Quella difficile maternità e la perdita della bambina segnarono molto Emilia. Fisicamente ma anche psicologicamente. Era diventata una donna molto sofferente. Andava soggetta a fortissimi mal di schiena che le impedivano perfino di reggersi in piedi. Inoltre veniva presa da improvvisi capogiri, svenimenti che le facevano perdere conoscenza. Quando arrivavano quelle crisi, doveva restare a letto anche per quattro cinque giorni di fila. Doveva essere trasportata a Cracovia, per essere assistita da medici specialisti. Le assenze duravano anche una settimana e allora era il marito a sbrigare le faccende domestiche, fare da mangiare, lavare i piatti, pulire la casa.
I medici dicevano che aveva i reni compromessi e il cuore malandato. Doveva condurre un’esistenza tranquilla, serena, non doveva affaticarsi e neppure lontanamente pensare ad altre maternità.
Ma alla fine del 1919 si accorse di aspettare un nuovo bambino. Aveva già 35 anni e mezzo e la nuova gravidanza si annunciò subito difficile. I medici dissero che era pericolosa per lei e per il nascituro: doveva interromperla. Ma Emilia era una donna di fede. Con grande semplicità, si affidò al buon Dio. Mai avrebbe impedito a quel suo bambino di venire al mondo: per lui era disposta a morire.
I nove mesi di gestazione furono pieni di complicazioni per la salute cagionevole di Emilia. Il parto, avvenuto il 18 maggio 1920, fu difficile. Il bambino però nacque sano e venne chiamato Karol, come il padre.
Da quel momento l’esistenza di Emilia divenne precaria. I disturbi al cuore e ai reni peggiorarono, i gonfiori alle gambe le impedivano di restare a lungo in piedi. Doveva egualmente provvedere alla casa e ai figli. Si sacrificava in silenzio. «Sopportava il dolore con fede», raccontò la sua coetanea Maria Janina. «Non parlava mai dei suoi disturbi e riusciva sempre a tenere un sorriso dolce e sereno sulle labbra, anche nei momenti di maggior sofferenza».
Il piccolo Karol crebbe sereno e vezzeggiato. Nel 1926 cominciò ad andare a scuola. Aveva difficoltà in matematica, ma con l’aiuto del fratello maggiore, che era già universitario, riuscì a superarle e divenne uno dei migliori allievi.
Nell’inverno del 1928 le condizioni di salute di Emilia si aggravarono. Karol, che aveva compiuto otto anni, cominciò a capire e ad avere il terrore di perdere la mamma. Un suo insegnante di allora raccontò che il bambino era spesso pensieroso e assente. La mattina del 13 aprile 1929, Karol, dopo aver fatto colazione, era uscito presto come il solito per andare a scuola. Verso mezzogiorno arrivò nella sua classe il preside e disse all’insegnante che doveva parlare con il piccolo Wojtyla. Fuori dell’aula, Karol vide una vicina di casa. Capì che era accaduto qualcosa di grave alla sua mamma e scoppiò a piangere. La signora Emilia, infatti, era spirata poco dopo aver mandato a scuola il bambino.
La salma esposta nella casa, i funerali, la sepoltura nel cimitero, impressionarono tremendamente il piccolo Karol. Quel lutto segnò la sua vita per sempre. Gli fece scoprire il dolore di perdere la persona più cara. Tutti gli amici di Karol Wojtyla sono concordi nel dire che egli rimase sconvolto dalla perdita della madre al punto di non riuscire quasi mai a parlare di lei. Solo una volta, al giornalista francese André Frossard, che era suo amico, confidò:
«La morte di mia madre è sempre profondamente scolpita nella mia mente». Il suo amore tenero e vivo lo dimostrò tenendo sempre con sé alcuni oggetti che erano appartenuti a sua madre: un tavolino e la cesta di vimini che Emilia usava per raccogliere la biancheria.
In seguito, quando Karol Wojtyla era anche diventato un famoso poeta, scrisse, in ricordo della madre questa poesia:
«Sulla tua tomba bianca
Fioriscono bianchi fiori della vita.
Oh, quanti anni sono stati senza di te,
Quanti anni fa?
Sulla tua tomba bianca
Da tanti anni già chiusa:
Come se in alto qualcosa si innalzasse,
Come la morte incomprensibile.
Sulla tua tomba bianca,
O madre, mio spento amore,
Con tanto affetto filiale
Faccio preghiera:
Dio, donale eterno riposo».
Versi densi di un tremendo dolore mai venuto meno. 


Autore:
Renzo Allegri

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-03-14

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità